PMI Dome

I server Dell amano i funghi

ven 08 aprile 2011 • Categoria: Ambiente&Tecnologia

Quando si parla di economia verde, a volte non viene in mente che la sostenibilità potrebbe partire proprio dalle minuzie. Dell sembra invece attenta all'ambiente ed all'eco-sostenibilità e per queste ragioni ha deciso di sostituire le tradizionali schiume e plastiche usate per proteggere i desktop ed i server negli imballaggi di trasporto, con materiali composti da funghi coltivati appositamente.

I server Dell amano i funghi

Ebbene si: i funghi permetteranno di attutire i colpi che le scatole dei computer Dell subiranno durante il trasporto. Per scoprire di quali tipologie di funghi si tratta e come vengono usati, superate il salto e buona lettura...


>>Continua a leggere "I server Dell amano i funghi"

Vote for articles fresher than 21 days!
L'attuale gradimento: none, 0 vote(s) 6429 hits

IBM presenta le tecnologie dei prossimi 5 anni

gio 16 dicembre 2010 • Categoria: Innovazione


Il futuro è adesso.

Questo è il motto con cui gli IBM Labs presentano le tecnolgie che invaderanno le nostre vite entro i prossimi cinque anni.

Il quadro disegnato dalla nota multinazionale non prevede solo piccole evoluzioni tecniche ai prodotti già disponibili, ma riporta vere novità tecnologiche, che dovrebbero invadere i mercati mondiali, così come il cellulare divenne un oggetto d'uso comune nella metà degli anni 90, perdendo quella patina di status symbol di cui aveva goduto fino ad allora.

Queste previsioni così futuristiche sono in realtà elaborate da Big Blue sulla scorta delle tecnologie emergenti dalle linee di ricerca condotte all'interno dei loro laboratori aziendali di tutto il mondo e sulla base dei trend tecnologici verso i quali il mondo si muove.

Insomma, IBM dice che in meno di cinque anni si potranno avere, tra le altre novità, batterie alimentate ad aria, comunicazioni olografiche in 3D e server che riscalderanno gli ambienti di lavoro.

IBM presenta le tecnologie dei prossimi 5 anni

Curiosi? Superate il salto e potrete vedere il video di cosa ci possa preservare il futuro!



>>Continua a leggere "IBM presenta le tecnologie dei prossimi 5 anni"

Vote for articles fresher than 21 days!
L'attuale gradimento: 3.14 of 5, 22 vote(s) 3849 hits

L’informatica a supporto del risparmio idrico: i2O

ven 15 ottobre 2010 • Categoria: Ambiente&Tecnologia


Uno dei problemi di cui più si discute negli ultimi anni è la probabile carenza futura di acque dolci e potabili a cui l’umanità sta andando incontro.

Infatti, molti economisti e sociologi sostengono che nei prossimi decenni la penuria di acqua destinata agli usi umani potrebbe portare ad un’impennata dei costi, a tal punto che l’acqua potrebbe diventare il futuro oro nero, sulla cui mancanza si potrebbero combattere anche guerre intestine, come in passato è già accaduto per il petrolio.

Molte associazioni internazionali e studiosi sono già all’opera per evitare che queste visioni apocalittiche possano tramutarsi in realtà e da queste consapevolezze sono nate negli ultimi anni dei movimenti di sensibilizzazione destinati ai cittadini dei paesi industrializzati, per educarli ad un corretto risparmio idrico.

Si chiede dunque a tutti un minimo di impegno, limitando il tempo trascorso in doccia con l’acqua corrente, limitando le lavatrici, chiudendo i rubinetti mentre si insaponano le mani e via discorrendo.

C’è chi però ha notato che molto spesso lo spreco dell’acqua deriva non solo dalle cattive abitudini delle persone, ma anche da uno stato indecente nel quale versano gli acquedotti delle città del mondo.

Si rende dunque necessaria una ristrutturazione delle strutture idriche, in modo da ottimizzare già a monte il problema degli sprechi.

Molti studiosi si sono chiesti se l’informatica e le tecnologie in generale potessero aiutare le amministrazioni a migliorare la gestione degli acquedotti civici. La risposta che si è ottenuta è i2O, una rete intelligente per il controllo dei sistemi acquiferi, che ha già permesso un risparmio medio di circa 50 mila litri di acqua al giorno, nella dozzina di città britanniche nelle quali i2O è già stato installato.

i2O

Come funziona i2O? Per scoprirlo è sufficiente superare il salto…



>>Continua a leggere "L’informatica a supporto del risparmio idrico: i2O"

Vote for articles fresher than 21 days!
L'attuale gradimento: 2.67 of 5, 6 vote(s) 3050 hits
Copyright © 2011 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità: Master Advertising S.r.L. Per contattare la redazione: redazione@i-dome.com.