PMI Dome

Un Kinect in sala operatoria

mer 19 gennaio 2011 • Categoria: Curiosità


Sebbene di hack per il nuovo sistema di gaming di Microsoft Kinect ve ne siano ad iosa, questo è assolutamente innovativo ed utile!

Molti robot chirurgici utilizzati oggi in alcune tipologie di interventi delicati, in realtà non garantiscono la stessa sensibilità al tatto, offerta invece dalle mani del chirurgo durante l'operazione, mentre sono eccezionali per la precisione di intervento.

Per anni, ingegneri e medici hanno lavorato per integrare in sala operatoria tecnologie derivanti dal settore del gaming computerizzato, in modo da ottenere performance avanzate in tutti gli interventi che richiedono precisione ed esigerebbero mani chirurgiche troppo piccole per un uomo.

Un Kinect in sala operatoria

A fronte dei tanti tentativi di integrare nei robot chirurgici alcuni sistemi tecnologici di force feedback per permettere all'operatore di avere un ritorno sul joystick durante il controllo, in realtà un gruppo di studenti di ingegneria dell'Università di Washington hanno avuto un'idea migliore.

Usare un bel Microsoft Kinect.

Come? Scopritelo subito dopo il salto...


>>Continua a leggere "Un Kinect in sala operatoria"

Vote for articles fresher than 21 days!
L'attuale gradimento: 3.67 of 5, 27 vote(s) 4415 hits

Un robot tutto spagnolo!

gio 18 novembre 2010 • Categoria: Robotica


Chi lo dice che solo i giapponesi sono in grado di costruire i robot?

In realtà, esiste in Spagna un’azienda specializzata in intelligenza artificiale e robotica, la PAL Robotics, che già da qualche anno sta producendo androidi di tutto rispetto, progettati per rendere all’uomo differenti servigi.

In questi giorni, la PAL Robotics è attiva nella promozione del suo nuovo umanoide, soprannominato REEM-H2.

Un robot tutto spagnolo!

Il robot è un tipico esempio di come l’intelligenza artificiale si possa porre al servizio degli umani, fornendo informazioni ed aiutando a svolgere operazioni noiose.

Il REEM H2 presenta parecchie peculiarità tecnologiche, che gli permetterebbero di svolgere differenti funzioni.

Curiosi di sapere quali? Bene, scopritelo subito dopo il salto…



>>Continua a leggere "Un robot tutto spagnolo!"

Vote for articles fresher than 21 days!
L'attuale gradimento: 3.22 of 5, 37 vote(s) 6682 hits

BayWatch: un robot che si tuffa e ti salva la vita

mar 26 ottobre 2010 • Categoria: Robotica


La CNN-Money riporta un’interessante articolo riguardante Emily, un robot in grado di tuffarsi in acqua, solcare le onde e raggiungere i bagnanti in pericolo.

Emily, il cui nome è l’acronimo di Emergency Integrated Lifesaving lanYard, è stato costruito da un’azienda di sette dipendenti dell’Arizona, la Hydronalix, di proprietà dell’ingegnere Tony Mulligan. Mulligan, fondatore dell’ Advanced Ceramics Research per lo sviluppo di aerei senza pilota ad uso governativo, aveva creato nel 2009 per conto della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) un barca robotica, in grado di monitorare i mammiferi marini ed i loro movimenti.

Da lì nacque l’idea di Emily, nata esattamente 20 giorni dopo che Mulligan vendesse l'Advanced Ceramics Research alla British Aerospace Electronic ed incanalasse circa 250000$ della vendita nel progetto del robot salvavita.

BayWatch: un robot che si tuffa e ti salva la vita

Sempre secondo Mulligan, i robot baywatcher sono in grado di salvare vite umane dodici volte più velocemente dei bagnini.

Emily ha delle caratteristiche tecniche particolari. Quali?

Per scoprirlo e vedere un video di Emily in funzione sulle coste di Malibù, superate al volo il salto…



>>Continua a leggere "BayWatch: un robot che si tuffa e ti salva la vita"

Vote for articles fresher than 21 days!
L'attuale gradimento: 2.44 of 5, 9 vote(s) 7196 hits

Per gli ospedali ed i saloni di bellezza: il robot lava-capelli di Panasonic

mer 13 ottobre 2010 • Categoria: Robotica


Se anche oggi nella sezione Robotica, vi attendete un qualsiasi bipede meccanico in grado di salutare ed emettere suoni computerizzati, sicuramente dovrete ricredervi, perché oggi parliamo di un robot, ma dalle sembianze di un lavatesta!

Ebbene sì, Panasonic avrebbe sviluppato un sistema automatizzato in grado di lavare la testa alle persone, con tanto di acqua e shampoo.

Panasonic robot lavatesta

Il lavatesta tecnologicamente avanzato è stato sviluppato in prima battuta dalla Panasonic con l’intento di venire incontro alle esigenze dei degenti degli ospedali e delle strutture sanitarie: infatti, secondo studi e ricerche specifiche, uno dei disagi a cui molti pazienti vanno incontro durante la loro permanenza ospedaliera è proprio la mancanza di un’assistenza igienica adeguata e, nello specifico, l’impossibilità di lavare i capelli ogni volta che si abbia voglia. Il robot lavatesta potrebbe dunque risolvere questo problema, regalando ulteriore comfort ai pazienti durante il loro soggiorno forzato da problemi di salute.

Solo in un secondo tempo, Panasonic vede come possibile mercato applicativo il settore del benessere, dichiarando che il robot lava-capelli potrebbe essere usato nei saloni di bellezza.

Per capire meglio come funziona il robot lavatesta di Panasonic e vederlo in azione in un video, continuate la lettura subito dopo il salto… 


>>Continua a leggere "Per gli ospedali ed i saloni di bellezza: il robot lava-capelli di Panasonic"

Vote for articles fresher than 21 days!
L'attuale gradimento: 3.14 of 5, 7 vote(s) 7296 hits

Il robot logo di Android ora esiste davvero!

lun 04 ottobre 2010 • Categoria: Robotica


Android, il robotAvete in mente il logo del sistema operativo Android?

Bene, il robot verde, che fin dall’inizio ha contraddistinto sul mercato della telefonia e dei tablet l’OS creato da Google per le soluzioni di mobile computing, oggi esiste davvero.

A realizzarlo, sono state due aziende giapponesi in partnership: la RT Corporation si è occupata della parte prettamente robotica e del design, mentre la Brilliant Service, uno dei più potenti provider di software Android in Giappone, ha realizzato la parte software/applicativa per la gestione dei movimenti.

Una collaborazione proficua, che in soli 60 giorni ha visto la completa realizzazione del progetto, dal concept, alla prototipazione, al testing  fino allo sviluppo completo.

L’umanoide Android ha dato bella mostra di sé, pochi giorni  fa al Google Developer Day 2010 di Tokyo, dove si è appreso che è capace di muoversi, di camminare e di parlare.

Provate ad indovinare da quale piattaforma è gestito? La risposta subito dopo il salto…


>>Continua a leggere "Il robot logo di Android ora esiste davvero!"

Vote for articles fresher than 21 days!
L'attuale gradimento: 3.55 of 5, 11 vote(s) 5835 hits

Gli iRobot Roomba diventeranno più intelligenti!

ven 01 ottobre 2010 • Categoria: Casa Intelligente


I Roomba, i robot pulisci-superfici che hanno avuto un incredibile successo ed il libero accesso nelle case per sollevare l’uomo dalla schiavitù di un pavimento sempre lindo e lucido, stanno per diventare molto più intelligenti.

Infatti, la iRobot Corporation, multinazionale che produce i simpatici ed ingegnosi aspirapolveri mobili, ha appena depositato un brevetto, che prevede la realizzazione di un nuovo sistema di navigazione, per permettere ai Roomba di muoversi in modo ancora più utili e rivoluzionari.

Il nuovo sistema di orientamento è molto simile al NorthStar system di Evolution, in quanto prevede l’uso di piccoli emettitori di raggi infrarossi, che vengono proiettati sul soffitto o sulle pareti, in modo che possano essere facilmente individuati dal robot ed utilizzati per muoversi all’interno degli appartamenti.

Celestial Navigation System for an Autonomous Robot, Roomba, iRobot Corporation

Il sistema, chiamato Celestial Navigation System for an Autonomous Robot, si basa su segnali IR o di altra tipologia, individuabili dal Roomba ed utilizzati per triangolare la propria posizione, grazie ad un array di fotodiodi presenti sulla parte superiore della scocca del robot.

Ogni stanza dovrà avere il suo emettitore ed un aggiornamento al brevetto prevede che ogni emettitore venga alimentato direttamente dal Roomba tramite magnetorisonanza, in modo che l’utente non debba preoccuparsi di alimentare gli emettitori o di cambiarne le batterie)

Per scoprire i vantaggi di questo nuovo brevetto, rispetto alle possibilità attuali di Roomba, fate jump subito dopo il salto…



>>Continua a leggere "Gli iRobot Roomba diventeranno più intelligenti!"

Vote for articles fresher than 21 days!
L'attuale gradimento: 2.73 of 5, 15 vote(s) 5095 hits

SMAVNET: robot volanti come provider GSM e Wi-Fi

ven 01 ottobre 2010 • Categoria: Innovazione


Nelle aree disastrate, colpite da cataclismi naturali, uno dei problemi principali per i soccorritori è la mancanza di sistemi di comunicazioni, a causa dei malfunzionamenti che colpiscono le linee terrestri ed i ripetitori di segnali aerei. In queste condizioni, diviene più complicata ogni operazione di intervento, rallentata ovviamente dalla difficoltà di approntare ponti radio d’emergenza per garantire comunque un minimo di comunicabilità.

Per ovviare a questa situazione, il Laboratorio di Sistemi Intelligenti dell’EPFL svizzero ha sviluppato SMAVNET (acronimo di Swarming Micro Air Vehicle Network): si tratta di un gruppo di dieci robot volanti che muovendosi secondo le logiche degli algoritmi costruiti secondo la teoria dello sciame intelligente (noti anche come algoritmi di swarm) sono in grado di creare nell’area che sorvolano delle reti di comunicazioni d’emergenza, offendo così una copertura temporanea per i segnali GSM e Wi-Fi.

Smavnet

In questo modo, sulla zona nella quale i robot vengono fatti volare si creano delle network ad hoc, che permettono ai soccorritori di utilizzare i loro telefoni, i computer e qualsiasi altro dispositivo che possa essere utile alle operazioni di pronto intervento.

Gli algoritmi ed i sensori con i quali costruiti permettono agli SMAVNET di distribuirsi in cielo, favorendo l’emersione di un comportamento di gruppo, rispetto al comportamento del singolo robot, che anzi viene influenzato dal movimento degli altri robot.

I robot sono leggeri, poco costosi e possono essere dotati di moduli radio che garantiscano una copertura a medio ed a lungo raggio.

Anche l’uso e l’interazione con l’uomo sono stati progettati per essere il più semplice possibile, alla portata anche di personale non tecnico e non esperto. Infatti, per utilizzarli è sufficiente librarli nell’aria, come si farebbe con un aeroplanino di carta.

Per vedere un video che ritrae gli SMAVNET in azione e scoprire le caratteristiche tecniche di questi robot volanti, superate il salto, con un semplice clic…


>>Continua a leggere "SMAVNET: robot volanti come provider GSM e Wi-Fi"

Vote for articles fresher than 21 days!
L'attuale gradimento: 3 of 5, 15 vote(s) 3776 hits

HRP-4: il nuovo robot umanoide presentato in Giappone

ven 17 settembre 2010 • Categoria: Robotica


Robot HRP-4Impressionante: questo è il giusto aggettivo per riferirsi alla velocità con cui i giapponesi continuano a progettare ed a presentare al grande pubblico nuovi robot, le cui sembianze e movenze sono sempre più simili a quelle umane.

Questa volta le luci della ribalta popolare si sono accese sull’umanoide HRP-4, prodotto dalla giapponese National Institute of Advanced Industrial Science and Technology (AIST).

L’HRP-4, di cui è possibile vedere un video che lo ritrae in azione subito dopo il salto, ha fattezze molto simili a quelle umane, è alto 151 cm e pesa 39 kg. La sua figura così slim è stata curata da un azienda giapponese di Industrial Design, con l’intento principale di ottenere un robot leggero, maneggevole ed in grado di eseguire una serie ben evoluta di movimenti.

Il robot ha 34 gradi di libertà ed è movimentato da un motore da 80W. Le braccia hanno la capacità di alzare un peso massimo di 0.5 kg.

Per tutte le altre caratteristiche, fate jump dopo il salto…


>>Continua a leggere "HRP-4: il nuovo robot umanoide presentato in Giappone"

Vote for articles fresher than 21 days!
L'attuale gradimento: 3.45 of 5, 11 vote(s) 6489 hits

Robot: ecco le ultime novità dal Giappone

ven 03 settembre 2010 • Categoria: Robotica


Toshiba ApriPocoGuardando le televisioni giapponesi, soprattutto i canali dedicati alla tecnologia, sembra di essere su un altro pianeta!

Si possono ammirare oggetti, invenzioni e tecnologie inverosimili, fra le quali continuano a spiccare gli incredibili robot, che sembrano pronti ad invadere il pianeta da un momento all’altro, per assolvere ai lavori più noiosi.

Proprio due giorni fa è andato in onda sulla rete televisiva giapponese Nippon News Network, un incredibile servizio di circa 5 minuti, nella quale si mostrano gli ultimi modelli di robot oggi disponibili presso i laboratori nipponici.

La redazione ha deciso di riproporvi lo stesso servizio nel video qui sotto: anche se l’audio è in giapponese, potreste poi saperne di più, leggendo il resoconto del video in italiano, che trovate subito dopo il salto…



>>Continua a leggere "Robot: ecco le ultime novità dal Giappone"

Vote for articles fresher than 21 days!
L'attuale gradimento: 2.82 of 5, 11 vote(s) 7410 hits
Copyright © 2011 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità: Master Advertising S.r.L. Per contattare la redazione: redazione@i-dome.com.