PMI Dome

Pannelli solari ultraleggeri: una realtà!

lun 04 luglio 2011 • Categoria: Innovazione


Forse si potrà dire addio alle ingmobranti strutture da installare a terra e sugli edifici. Nell'università di Melbourne, un gruppo di ricercatori coordinato dal dottorando Brandon MacDonald ha prodotto i primi protototipi di pannelli solari ultraleggeri, flessibili e stampabili.

Pannelli solari ultraleggeri: una realtà!

La scoperta, che è valsa al ricercatore il pieno sostegno dell'ente nazionale di ricerca Csiro e il premio DuPont Young Innovator 2010/11, è già sottoposta a brevetto e potrebbe rivoluzionare il mondo dell'energia solare.

Si potrebbero abbattere i costi a differenti livelli, in primis dal punto di vista delle spese di costruzione dei pannelli. Anche l'installazione divrebbe più economica e, proprio per la particolarità con cui queste nuove celle sono costruite, i sistemi per la conversione dell'energia solare in elettricità potrebbero essere integrati direttamente nelle pareti e nei vetri degli edifici di nuova e vecchia costruzione.

I sistemi solari diverrebero dunque democratici ed alla portata di tutti, potendosi così diffondere in modo molto più imponente di come non sia accaduto fino ad ora.



Le celle ottenute in Australia sono frutto delle nanotecnologie, in quanto ogni pannello è composto da nanocristalli del diametro di pochi milionesimi di millimetro, raccolti in un particolare inchiostro, con cui è possibile stampare i pannelli fotovoltaici.

Scegliendo la giusta combinazione di inchiostro e superficie (vetro, plastica o metallo) è possibile creare cellule solari efficienti usando meno dell'1% del materiale che è attualmente necessario per costruire i pannelli convenzionali.

Pannelli solari ultraleggeri: una realtà!

Questi nanocristalli sono semiconduttori di cadmio telluride, un materiale altamente fotoassorbente. Essi sono raccolti in una soluzione, che può essere applicata su diversi materiali. Il solvente, asciugandosi, lascia una pellicola di cadmio telluride, le cui irregolarità possono essere corrette attraverso strati di pittura. Questa pellicola stampabile si presenta poi così flessibile, da poter essere integrata davvero in qualsiasi tipo di oggetto.

Secondo il ricercatore austrialiano, la stessa tecnologia potrà essere utilizzata anche per stampare circuiti elettrici più tradizionali, come LED, laser, transistor ed altri componenti elettronici.

Vote for articles fresher than 21 days!
L'attuale gradimento: none, 0 vote(s) 9210 hits

0 Trackbacks

  1. Nessun Trackbacks

0 Commenti

Mostra commenti (Cronologicamente | Per argomento)
  1. Nessun commento

Aggiungi Commento


Enclosing asterisks marks text as bold (*word*), underscore are made via _word_.
Standard emoticons like :-) and ;-) are converted to images.
E-Mail addresses will not be displayed and will only be used for E-Mail notifications.

To prevent automated Bots from commentspamming, please enter the string you see in the image below in the appropriate input box. Your comment will only be submitted if the strings match. Please ensure that your browser supports and accepts cookies, or your comment cannot be verified correctly.
CAPTCHA


Copyright © 2011 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità: Master Advertising S.r.L. Per contattare la redazione: redazione@i-dome.com.