PMI Dome

David Fischer e l'architettura dinamica. La Rotating Tower

mer 02 luglio 2008 • Categoria: Ambiente&Tecnologia, Casa Intelligente, Innovazione


Saranno le città di Dubai e Mosca le prime ad ospitare la rivoluzionaria torre dinamica progettata dall’Arch. fiorentino David Fisher.
I due progetti nati a Firenze, e presentati alla conferenza stampa al Plaza Hotel di New York di una settimana fa, sono considerati le nuove icone del futuro.

Mosca

La Rotating Tower, come è stata denominata, ha caratteristiche che la rendono assolutamente unica dal punto di vista architettonico, ingegneristico, costruttivo ed energetico.
E’ il primo edificio al mondo che cambia la propria forma, è il primo ad essere prodotto in fabbrica, ed è l’unico autosufficiente dal punto di vista energetico.
Infatti il grattacielo produrrà attraverso le turbine eoliche posizionate tra i piani un’ energia sufficiente per i propri consumi e per altri edifici vicini.

Dubai


La Rotating Tower Dubai Development LTD ha annunciato l’apertura delle liste di prenotazione per la prima torre dinamica a Dubai. La torre avrà 80 piani e sarà alta 420 metri. Gli appartamenti, di notevole prestigio, partiranno da una superficie minima di 124 m2 alle ville di 1200 m2, dotate di un parcheggio al piano.

L'architetto Fisher ha anche annunciato che la seconda torre dinamica, già in fase avanzata di progettazione, sarà costruita a Mosca, per diventare la nuova icona della capitale russa.
Questo grattacielo, commissionato dalla Mirax, il gigante russo del Real Estate, guidato dall’investitore Sergei Polonski, avrà 70 piani e sarà alto 400m. La produzione del grattacielo di Mosca, sito presso il nuovo centro direzionale di Mosca City, avrà inizio nei prossimi mesi e sarà completata entro il 2010.

La Rotating Tower a DUBAI

Altre torri dinamiche saranno costruite in diverse città del mondo, tra cui New York, dove è prevista la terza. Ci sono state numerose richieste da parte di investitori, autorità pubbliche e governi per costruire le Rotating Towers nei loro paesi, quali Italia, Francia, Germania, Svizzera, Corea e Canada. Il progetto, già di risonanza mondiale, è riconosciuto come un made in Italy per eccellenza.
Mantenendo una struttura architettonica unica e sempre in evoluzione, il grattacielo offre infinite soluzioni: ogni piano infatti ruota indipendente dall’altro, creando un edificio dalle forme sempre diverse.
La grande innovazione, dal punto di vista industriale, consiste nel fatto che è il primo edificio realizzato quasi interamente in fabbrica.

Energia eolica nelle Rotating Building


Il metodo Fisher rivoluzionerà il mondo delle costruzioni, permettendo di migliorare la qualità dell’edificio, di ridurre i tempi di realizzazione, e di ottenere il risparmio del costo dell’edilizia.
Questo metodo offrirà la possibilità di costruire case su misura.
I tempi di costruzione dei grattacieli girevoli saranno più brevi (1 piano in 7 giorni invece di 3 settimane come nei cantieri tradizionali) e notevoli i risparmi economici.
Il grattacielo sarà inoltre il primo edificio della storia ad essere completamente autosufficiente dal punto di vista energetico, sfruttando l’energia eolica e solare.
"La torre dinamica è rispettosa dell’ambiente data la sua capacità di generare elettricità sia per i propri fabbisogni che per altri".
Continua Fisher:
“Si possono ottenere questi risultati grazie alle turbine eoliche situate tra i piani. Quindi un grattacielo di 80 piani, che avrà 79 turbine, unite ai pannelli solari, diventerà una vera e propria centrale di energia verde."
Combinando movimento, energia verde ed efficienza nel processo di costruzione, la torre dinamica cambierà l’architettura attuale, dando vita ad una nuova corrente del Vivere Dinamico.


Gli Edifici Dinamici determineranno l'avvio di una nuova concezione in architettura: un concetto di Edifici in Movimento, in contraddizione con la stessa idea di Immobile, che è alla base di ogni costruzione.
Al di là della questione semantica, questa nuova concezione di architettura cambierà non solo l'aspetto delle città, ma anche l'idea stessa di modernità, oltre che il rapporto tra edifici e chi vi abita, e tra edifici e l'ambiente che li ospita.
Mantenendo una struttura architettonica unica e sempre in evoluzione, il grattacielo offre infinite soluzioni: ogni piano infatti ruota indipendente dall’altro, creando un edificio dalle forme infinite e sempre diverse.
La possibilità di orientare il proprio spazio secondo i momenti della giornata, in relazione alle stagioni, o semplicemente al proprio piacere, segna la vera novità progettuale che, insieme ad un’ estetica mutevole e sempre nuova, ne definisce l’unicità. In sostanza, alle tre dimensioni tradizionali, se ne aggiunge una quarta, il tempo.

Piantina di un piano della Rotating Tower a Dubai

La Rotating Tower è il primo edificio nella storia ad avere un’ autosufficienza energetica: produce l’energia di cui ha bisogno direttamente da sorgenti naturali.
La Rotating Tower può generare elettricità grazie alle turbine eoliche montate orizzontalmente tra i piani. Mentre le tradizionali turbine verticali hanno un impatto negativo sull’ambiente, per la loro imponenza, per le fondazioni e per le strade che richiedono, queste piccole turbine, sono quasi invisibili.
Un grattacielo di 80 piani potrà ospitare ben 79 turbine, trasformando l’edificio in una vera centrale di energia verde.
La manutenzione necessaria risulterà agevolata, poiché i piani sono facilmente raggiungibili da un unico ascensore di servizio.



Le turbine saranno silenziose grazie alla loro forma e al materiale in fibra di carbonio. Le turbine eoliche sono attualmente in fase di sviluppo nell’impianto della Rotating Tower Technology in Italia, per essere poi installate nelle future torri ruotanti. Cellule fotovoltaiche saranno inoltre installate sul tetto di ogni piano ruotante.
In un edificio di 80 piani avremo, quindi, 80 tetti.
Anche se solo il 20% della superficie di ogni tetto sarà esposto al sole o alla luce, avremo il 20% di superfici per 80 piani, quindi la superficie soggetta all’esposizione solare corrisponderà alla superficie di 10 edifici. Inoltre, grazie al sistema di rotazione, le cellule fotovoltaiche possono avere la massima esposizione alla luce del sole. Convettori solari saranno usati per il condizionamento dell’aria.
Materiali naturali come pietra, marmo, legno e vetro, ed altri materiai riciclabili saranno usati per gli interni.
Questi saranno i primi edifici ad alta efficienza energetica, prodotti in fabbrica, con tempi e costi di costruzione inferiori a quelli di edifici costruiti con metodi tradizionali. La prefabbricazione permetterà, inoltre, cantieri puliti e verdi, senza rumore, polveri, emissioni, rifiuti, oltre che una maggiore sicurezza sul luogo di lavoro e meno imprevisti.
Tempi di costruzione più brevi permetteranno minori consumi di energia.

Link: Dynamic Architecture
Vote for articles fresher than 21 days!
L'attuale gradimento: none, 0 vote(s) 54700 hits

0 Trackbacks

  1. Nessun Trackbacks

7 Commenti

Mostra commenti (Cronologicamente | Per argomento)
  1. ...Allora se non ho capito male:
    1) ogni piano puo' routare a seconda delle esigenze del proprietario.
    Perche'? Ogni ufficio o casa una volta trovata la posizione ideale rimarra' sempre li'...
    2) Le pale tra un piano e l'altro girano? Ma se per le centrali eoliche bisogna fare delle pale giganti ortogonali al vento. Queste sono sottilissine e tra due piani e parallele. Li' il flusso rallenta terribilmente, non hanno senso.
    3) I costi di costruzione manutenzione. Un palazzo pieno di cuscinetti a sfera o non so quale altra soluzione, a parte i costi altissimi, ha un costo di manutenzione improponibile solo per la parte meccanica. Figuriamoci per alimentare un mostro del genere.
    La Torre Eiffel, che e' statica, ha un costo di manutenzione molto alto per evitare che si arrugginisca e crolli.
    Un macchinario del genere e solo un sistema per succhiare soldi (truffa) alle nazioni dove viene installato (costruzione, manutenzione, smaltimento).
  2. 1) ogni piano puo' routare a seconda delle esigenze del proprietario.
    Perche'? Ogni ufficio o casa una volta trovata la posizione ideale rimarra' sempre li'...

    essendo un misto fotovoltaico e eolico non è così strano che possa girare, oltre ad essere esteticamente molto interessante per chi ci abita

    2) Le pale tra un piano e l'altro girano? Ma se per le centrali eoliche bisogna fare delle pale giganti ortogonali al vento. Queste sono sottilissine e tra due piani e parallele. Li' il flusso rallenta terribilmente, non hanno senso.

    Se ricordo bene sono delle turbine poste fra piano e piano. In un anno la torre fornirà circa 190 milioni di Kwh di energia fornendola per se e per altri grattacieli intorno (http://www.corriere.it/Primo_Piano/Scienze_e_Tecnologie/2006/08_Agosto/25/dubai.shtml)

    3) I costi di costruzione manutenzione. Un palazzo pieno di cuscinetti a sfera o non so quale altra soluzione, a parte i costi altissimi, ha un costo di manutenzione improponibile solo per la parte meccanica. Figuriamoci per alimentare un mostro del genere.

    Bisogna vedere il rapporto, ogni edificio ancor più i grattacieli sono costosissimi come manutenzione, solo che questo produce energia per 7mln di euro/anno.

    4) La Torre Eiffel, che e' statica, ha un costo di manutenzione molto alto per evitare che si arrugginisca e crolli.
    Un macchinario del genere e solo un sistema per succhiare soldi (truffa) alle nazioni dove viene installato (costruzione, manutenzione, smaltimento).

    Parli di un opera di ferro del 1887... insomma ben altri materiali e tecnologie, non puoi assolutamente paragonarli, secondo me.
  3. Secondo me se tante città importanti la stanno costruendo e se fior fiore di ingegneri l'hanno progettata sarà una cosa fattibile, con tutto il rispetto, non ti consoco ma credo che le tue obiezioni lascino il tempo che trovano.
  4. Per la verità le obbiezioni di Maxy sono indovinate.
    Per quanto riguarda la produzione energetica queste turbine ad asse verticale poste tra piano e piano non produrranno MAI 0.3 MW di potenza l'una.... il perchè è sui libri di fisica. Sarebbe gia' tanto se con l'energia prodotta riuscissero a far funzionare gli ascensori.
    Poi guarda caso....nei rendering da lontano della torre lo spazio libero tra i piani pare inesistente ma quando si passa all'immagine di dettaglio delle turbine sembra una voragine....
    In quanto al fotovoltaico un appartamento pare avere solamente pochi m2 di superficie disponibile per produrre energia, e solo quando l'appartamento sopre non è allineato. Con pochi m2 di panelli ci fai funzionare al massimo un tostapane.

    Quasta torre si dovrebbe chiamare fuffa tower!
    ciaociao
  5. fischer e' un grande , desidererei ricevere il suo indirizzo email per scriverlo personalmente , e' possibile?
  6. Caro nico, non abbiamo il suo contatto diretto, ma puoi provare agli indirizzi presenti sul sito indicato alla fine del post. Spero possano servirti!
  7. Bhè ho appena finito di leggere gli altri commenti e devo dire che siete troppo "bacchettoni" riguardo la costruzione di questo grattacielo... io personalmente posso solo dire che è un' idea fantastica e che se sarà un successo lo sapremo a breve... chi vivrà vedrà insomma... !!! lasciamo spazio alle nuove tecnologie e speriamo in un futuro più bello e confortevole di questo... !!! un bacio a tutti...

Aggiungi Commento


Enclosing asterisks marks text as bold (*word*), underscore are made via _word_.
Standard emoticons like :-) and ;-) are converted to images.
E-Mail addresses will not be displayed and will only be used for E-Mail notifications.

To prevent automated Bots from commentspamming, please enter the string you see in the image below in the appropriate input box. Your comment will only be submitted if the strings match. Please ensure that your browser supports and accepts cookies, or your comment cannot be verified correctly.
CAPTCHA


Copyright © 2011 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità: Master Advertising S.r.L. Per contattare la redazione: redazione@i-dome.com.